Antidoping a scuola

Parlando a Firenze ad un convegno dell’Anci, il ministro Amato ha sostenuto la necessità di una grande campagna contro la droga. Tra l’altro, ha parlato della scuola: “Si potrebbe prevedere l’antidoping a scuola, ad esempio dopo l’interrogazione. Ho spiegato questa mia idea a un insegnante che mi ha detto: ‘ma sei matto’? Di sicuro arriverebbero i genitori a fare un occhio nero al preside o al professore. Ma io penso che se lo studente risultasse positivo dopo l’interrogazione, perderebbe i punti e l’interrogazione non varrebbe”.
A voi la parola.

Fonte: RaiNews24