Cos’è

Muntu (muntu il lingua bantu vuol dire uomo) è il Laboratorio di Scienze Umane di Antonio Vigilante, docente di Filosofia e Scienze Umane al Liceo “Santa Caterina” di Siena.

La partecipazione alla discussioni è aperta a tutti. E’ gradita la partecipazione di classi di altre scuole; i docenti sono però pregati di contattarmi preventivamente all’indirizzo e-mail rimarerum [at] gmail.com

7 pensieri su “Cos’è

  1. Silvana

    Salve.

    stamattina ho digitato su motore di ricerca .. Oltre la psicoanalisi.. con il puro desiderio di trovare materiale che confutasse delle tesi scientifiche contro l’impero della psicoanalisi e dei psicologismi….

    che non fondano il loro percorso sul trionfo dell’amore , la pace e l’armonia.

    per me questa è una vera ricerca, spero di poter avere da voi spunti, riflessioni per produrre uno scritto!!!!

    ps. COMPLIMENTI PER IL SITO!!!

    zullo silvana

    Mi piace

  2. Marco calaresu

    Ho appena visitato il vostro blog. Ho ricavato dal vostro progetto idee nuove per le attività didattiche che intendo svolgere presso le scuole e le strutture formative della mia regione: la Sardegna. Sono laureato in filosofia con il massimo dei voti, ho all’attivo una sola esperienza da docente, e ho (da circa dieci anni ormai) sempre lavorato come magazziniere nella GDO. Però tutto costituisce esperienza; non per questo mi scoraggio, anzi. Anche adesso mi ritengo continuamente “in progress”. Il mio sogno per il futuro è quello di lavorare tramite moduli didattici da me stesso ideati e proporli in maniera autonoma presso strutture come gli enti di formazione . Non ho potuto realizzare prima questo mio sogno perché non ho mai avuto modo di ricevere informazioni adeguate circa le procedure da adottare per conseguire obiettivi di questo tipo. Soprattutto perché, credo, ho conosciuto da vicino, svolgendo spesso delle mansioni umili, il livello delle motivazioni e delle aspettative che regnano negli ambienti di lavoro comuni alle piccole come alle grandi aziende della nostra penisola; spessissimo non ci sono né aspettative e neppure stimoli per far meglio. Poi quando hai bisogno di lavorare, e devi farlo con fatica, non hai né il tempo né l’entusiasmo necessario per lanciarti in imprese educative o semplicemente pensare di migliorare la tua condizione. Bene, questa è la mia esperienza personale, ma che fine fanno la gran parte dei laureati oggigiorno nel nostro paese?? E’ possibile continuare a “sprecarli” in questo modo ?

    Complimenti per la Sua opera e buon lavoro !

    Mi piace

  3. Pingback: Esempi di Blog in ambito didattico – mialterno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...