Dio e Auschwitz

Domenica 27 è il giorno in cui in Italia si celebra la giornata della memoria. Poiché cade di domenica, la nostra scuola osserverà domani un minuto di silenzio in ricordo delle persone – ebrei, zingari, omosessuali – che sono state vittime della follia nazista.
E’ bene ricordare Auschwitz, ma è bene anche, e soprattutto, pensare Auschwitz. Cosa niente affatto facile, perché si tratta di pensare l’impensabile, di interrogarsi sulla possibilità di ciò che pare impossibile.
Auschwitz pone anche interrogativi non facili dal punto di vista religioso. Perché Dio ha permesso Auschwitz? Perché tante preghiere sono rimaste non ascoltate nei campi di concentramento? Le risposte possibili sono tre:
a. Dio non ha ascoltato le preghiere, perché semplicemente non esiste
b. Dio avrebbe potuto aiutare, ma non ha voluto
c. Dio avrebbe voluto aiutare, ma non ha potuto
La prima risposta è quella dell’ateismo. Molti hanno tratto dall’esperienza di Auscwhitz la conclusione che Dio non c’è. La seconda risposta è quella di un Dio potente, ma non buono. E’ una posizione più ipotizzata in astratto, che realmente sostenuta da qualcuno. La terza risposta è che Dio è buono, ma non è potente. E’ questa la risposta che ha dato alle domande religiose su Auschwitz un grande filosofo ebreo, Hans Jonas, in un libro intitolato Il concetto di Dio dopo Auschitz (il melangolo). Secondo Jonas, Dio creando il mondo è diventato debole, ha rinunciato alla propria potenza, calandosi nel tempo ed affidandosi al divenire: si è in qualche modo contratto per lasciare spazio al mondo ed all’uomo.  “Dopo essersi affidato totalmente al divenire del mondo, – dice Jonas – Dio non ha più nulla da dare: ora tocca all’uomo dare. E l’uomo può dare, se nei sentieri della sua vita si cura che non accada o non accada troppo sovente, e non per colpa sua, che Dio abbia a pentirsi di aver concesso il divenire del mondo”. L’uomo ha così la terribile responsabilità di prendere nelle sue mani le sorti del bene, che gli sono state affidate da Dio.
Che ne pensate? Vi sembra un punto di vista condivisibile e conciliabile con la concezione cristiana? E se non lo è, in che modo rispondereste agli interrogativi religiosi su Auschwitz?<p

Annunci

156 pensieri su “Dio e Auschwitz

  1. enza e vivi

    secondo noi l’uomo ha la responsabilita’ di prendere nelle sue mani le sorti del bene,che gli sono state affidate da dio,ma dio essendo onnipotente si e’ sacrificato per l’uomo diventando debole e rinunciando alla sua potenza affidandosi al futuro.ora tocca all’ uomo fare dei sacrifici per il mondo.

    Mi piace

  2. federica&leila

    secondo noi è giusto ricordare tutte le vittime k morirono nei campi di concentramento ma nn è corretto dire k DIO nn ha ascoltato le loro preghiere o perchè nn esiste o perchè nn ha voluto..ma semplicemente perchè ha affidato all’uomo il diritto di sceglire tra il bene e il male..

    Mi piace

  3. Angela

    Nei momenti di bisogno è normale chiedere l’aiuto di Dio, soprattutto se si vive l’esperienza degli ebrei ad Auschwitz, e chidersi se Dio esiste. Ma ora pensiamo bene: noi chiediamo l’aiuto di Dio solo nei momenti del bisogno, quando ci sono problemi da risolvere, ma quando poi riusciamo a risolverli oppure quando ci troviamo in momenti di benessere non ringraziamo Dio di averci aiutato in un momento critico! E quindi mi chiedo: le persone “invocano” Dio solo nel momento in cui hanno bisogno? e dopo non ci pensano a ringraziarlo?

    Mi piace

  4. Baby & Luna

    secondo noi dio ci crea tutti uguali ognuno con un proprio compito,dobbiamo essere noi che dobbiamo poi saperlo svolgere e tocca sempre a noi restare sullla “retta via”….quindi se l uomo “scagliandosi “contro l altro uomo diviene crudele ,compiendo azioni atroci e inumane ,cio’ non avviene per volere di Dio ma dipende dall egoismo e dalla voglia di sopraffare sull altro!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Mi piace

  5. Secondo noi la riflessione di Jonas non è conciliabile con la concezione cristiana perchè il potere di Dio non è limitato per cui dandoci la possibilità di scegliere tra bene e male lui non ci ha abbandonati ma ci ha messo alla prova.

    Mi piace

  6. Maria e Giusy

    secondo noi bisogna pregare Dio anche quando accadono certe tragedie e ogni volta non si deve dare sempre la colpa a Dio di quello che é successo e pretendere il suo aiuto,perchè è l’uomo che sbaglia

    Mi piace

  7. lucia e anto

    secondo noi dio non centra nulla con la vita dell’uomo e quindi è passivo alle vicende che accadono sulla terra altrimenti non si potrebbero spiegare le tante vicende negative che investono il mondo… egli fa le proprie scelte giuste o sbagliate che siano

    Mi piace

  8. Giusi

    E’ normale che nei momenti più difficili ci si chiede dell’esistenza di Dio, di quello che potrebbe fare e di quello che non fa, ma io credo che se un uomo ha vera fede dovrebbe essere legato a Dio sempre e avere fiducia in Lui. E’ difficile immedesimarsi con gli ebrei dopo tutto quello che hanno passato, so solo che oggi molte persone danno la colpa a Dio per i loro errori senza pensare che a volte siamo noi che ci creiamo il nostro destino con le nostre mani proprio perchè abbiamo la facoltà di scelta.

    Mi piace

  9. Baby & Luna

    giusto…da questo punto di vista crediamo che Dio abbia “messo alla prova l uomo”per vedere (“creatura “creata con amore e speranza per cio che avrebbero fatto)se le sfide le avrebbe affrontate con dignita ,senso della vita e responsabilita!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Mi piace

  10. Rita e Tiziana: La croce su cui è morto il Cristo. Non vi sembra che abbia a che fare con quello che dice Jonas?
    Maria e Giusy: dite che non bisogna pretendere l’aiuto di Dio, perché è l’uomo che sbaglia. Questo va bene nel caso di un uomo che abbia fatto molti errori, e che nel momento di difficoltà si rivolga a Dio. Ma nel caso di Auschwitz gli uomini che sbagliano (i nazisti) e quelli che pagano (gli ebrei) sono diversi. Perché i secondi devono pagare per gli errori dei primi e non hanno il diritto di rivolgersi a Dio?

    Mi piace

  11. federica&leila

    no nn è cosi…ma DIO ha lasciato nelle mani dell’uomo il libero arbitrio..bisogna pregare DIO perchè chi in quel momento ha pregato DIO avrà libero accesso al mondo di DIO,mentre coloro che furono crudeli saranno sottoposti alla sorte che si meritano..quindi secondo voi chi sta meglio?

    Mi piace

  12. Federica e Leila: Quindi l’uomo verrà ricompensato nell’altra vita, mentre in questo mondo Dio non può intervenire per non interferire con il libero arbitrio. Va bene. Ma allora sbaglia il papa, ad esempio, quando prega Dio di far cessare le guerre?

    Mi piace

  13. Angela

    Ma come facciamo a essere sicuri che Dio nn è intervenuto? Dio non si manifesta solo materialmente, noi non sappiamo come interviene e in che momento. Quindi noi nopn possiamo dare dei giudizi concreti.

    Mi piace

  14. anna e raffy

    non la pensiamo come il filosofo ebreo perchè Dio,nella concezione nostra è onnipotente quindi è improbabile che abbia perso il suo potere proprio nel momento del bisogno. Ma non riusciamo a rispondere al perchè non è intervenuto! boh….forse perchè siamo concentrate su altre cose oppure perchè nel momento in cui succedono queste cose siamo accecati dalla rabbia….però il suo aiuto c’è sempre per anna…per raffy ci dovrebbe essere sempre

    Mi piace

  15. Angy

    L’uomo si sente sostanzialmente debole e con tanti limiti ed è percio che sente il bisogno di pensare che esista un Essere eterno che possa soccorrerlo. Anche se ad Auschwitz nn è successo questo, l’uomo nn riesce a nn pensare che ci possa essere uno che potenzialmente potrebbe aiutarlo. L’uomo si appiglia alla speranza che a volte puo essere illusione.

    Mi piace

  16. Anna e Raffy: C’è un grande teologo cristiano (che è morto anche lui ucciso dai nazisti) che dice il contrario. Dice che Dio è diventato debole morendo sulla croce. Per questo oggi i cristiani non devono invocare l’aiuto di Dio, ma convidivere la stessa sofferenza di Cristo. Quel teologo si chiama Dietrich Bonhoeffer.

    Mi piace

  17. Baby & Luna

    succede che dio ci lascia fare, fino a quando l uomo arriva a pentirsi e a vergognarsi di cio che e divenuto… e quindi cerca di affidarsi a dio che e sempre presente in ogni circostanza della vita, ma sta a noi sentirlo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Mi piace

  18. Angela e Giusi

    X Raffy e Anna : e poi Dio non può perdere il proprio potere! Non è un supereroe che ha un tallone d’ Achille… non è Superman che con la criptonite si indebolisce..Lui è Dio e la sua debolezza è l’amore per l’uomo

    Mi piace

  19. Baby & Luna

    il nostro mondo non e composto solo da “nazisti”,e noi tutti invece di vedere il passato come un esempio x il futuro,dovremmo partire proprio da quegli errori mortali x andare avanti!!!!!!!!anche se siamo in pochi bisognerebbe avere coraggio!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Mi piace

  20. Maria e Giusy

    si devono rivolgersi a Dio con la preghiera.Però se c’è davvero fede non bisogna pretendere la salvezza di Dio ma accettare il proprio destino. perchè dio non può salvare tutti

    Mi piace

  21. Occhi di gatto

    Secondo me…Dio avrebbe potuto aiutare…ma non poteva…e non sono per niente daccordo su quello che dice Jonas dio anche se ha creato il mondo non è diventato debole…

    Mi piace

  22. Anni e Vale

    Ciao siamo le mitiche anni e vale… per quando riguarda le preghiere non ascoltate da Dio nel campo di concentramento noi non siamo d’accordo perche’, ognuno ha un proprio destino, e Dio sapendo di quel destino ha agito nel modo piu’ giusto per lui…

    Mi piace

  23. Commento di Lulu:

    ciao raga…secondo me DIO ESISTE…e da li su fa tutto quello che è in suo potere per proteggerci e aiutarci…DIO ci ha dato la LIBERTà…e noi dobbiamo scegliere se fare del bene o del male…anche se molte mpersone non hanno ancora capito la differenza del bene o del male…

    Mi piace

  24. Miki

    E’ difficile capire se Dio esiste o meno…. ma nn capisco perchè se esiste come tanti dicono nn ha aiutato tutte quelle povere persone innocenti? bè io nn riesco a rispondere a questa domanda e quindi in parte nn credo nell’esistenza di Dio!

    Mi piace

  25. Occhi di gatto

    x anni e vale…secondo me ognuno è artefice del proprio destino…quindi non sprecate le opportunità che vi capitano nella vita e non rimpiangete xke la vita è piena di sorprese…

    Mi piace

  26. Liby

    x miky:secondo me sbagli a non credere all’esistenza di dio..anche perche lui non puo fare sempre miracoli..e poi ti ricordo che siamo noi uomini che abbiamo voluto la guerra non dio..capito?

    Mi piace

  27. angy 2^A

    io non credo a nessuna delle tre ipotesi.dio non può cambiare la vita degli uomini,è vero gli ha creati ma ora non ha nessun potere su di noi!il nosrto destino ce lo costruiamo noi e dio non può cambiare le cose.

    Mi piace

  28. ilary

    Secondo me..dio esiste,essendo a conoscenza in parte di ciò che è succasso ad Auschwitz,della sofferenza inspiegabile di tutta quella gente,sinceramente dio in quella situazione poteva fare tanto..io credo nella sua esistenza e nel suo potere ma non so perchè in quella situazione,ha fatto in modo che tante persone..nel mondo,da lì in poi non credessero più nella sua esistenza.!

    Mi piace

  29. Miki

    X libi: hai ragione ma ognuno può avere le proprie idee! io nn dico k Dio debba esaudire tutti i desideri però nn pensi k tutte quelle persone avrebbero dovuto avere una vita serena e tranquilla come noi?

    Mi piace

  30. Lulu

    lei pensa che noi non esistiamo veramente…siamo un passatempo di un essere superiore…perchè forse è stato troppo deluso da tutto ciò che gli è successo nella vita…

    Mi piace

  31. Daly

    x miky, tesoro nn credi ke un pò ti sbagli?se noi esistiamo è soprattutto merito suo, e cmq dio nn può darci tutto ciò ke noi gli chiediamo,dobbiamo vedercela anke un pò noi nn credi?

    Mi piace

  32. m

    secondo me..Dio esiste però se al tempo di Auschwist non ha “fatto niente” è solamente x far capire a coloro che uccidevano ke stavano sbagliando..xkè se allora li avesse fermati la lezione non si sarebbe imparata e oggi l’uomo rifarebbe lo sbaglio già commesso..

    Mi piace

  33. Lulu

    Può darsi che Dio ha lasciato correre quel DETTAGLIO della Shoah per farci capire conoscere la cattiveria dell’uomo al suo apice…e magari di non farci commettere più gli stessi errori

    Mi piace

  34. Miki

    Per risp. a tutti: Non dico k nn devo ringraziare Dio per avermi fatto nascere ma nn credete k quelle persone in quel momento avevano bisogno di una mano? e allora perchè Dio nn gli ha aiutati? voi sapete rispondermi?

    Mi piace

  35. Liby

    x gelo:si hai ragione e sono d’accordo con te..ma scusa se tu hai detto che la vita e piena di sorprese e nn bisogna mai rimpiangere quello ke facciamo……perche allora mi parli ogni giorno di anto?????basta!mettici una pietra sopra e nn pensarci piu..vedrai che alla fine sara lui venire da te…DIO E CON NOI!!!

    Mi piace

  36. Lulu

    MA CARO PROF…NOI SIAMO LIBERI……………………………………………………………………………………………………………………………..

    Mi piace

  37. Anni e Vale

    X mary… hai proprio ragione Dio non voleva far commettere gli errori passati ma secondo te e’ giusto che sono morte tutte quelle persone solo per non far commettere altri sbagli???

    Mi piace

  38. Daly: Però in quel caso non si trattava di superare un esame all’università (c’è gente che disturba Dio anche per queste stupidaggini), ma di evitare una delle più grandi tragedie della storia). Se c’è una situazione nella quale l’intervento di Dio sarebbe stato significativo, quella è A.

    Mi piace

  39. ilary

    Mary non c’entra niente..però ti voglio dire che sei la mia sorellina e ti voglio tanto bene!ma qualche giorno ti porto in un campo di concentramento..così mi lasci un pò stare!

    Mi piace

  40. Daly

    x miky: xkè nn può aiutare tutti,altrimenti sarebbe troppo semplice vivere,e ogni nostro desiderio nn è un’ordine…nn credere ke pregare basti x nn avere una brutta sorte

    Mi piace

  41. tu hai anke ragione.Dio fin dal principio ci aveva concesso la pace,ma noi avevamo disubbidito e ora dobbiamo accettare le conseguenze…e poi dio ha detto che qnd verra il giorno in cui ttt le nazioni saranno in pace,allora verra la fie del mondo!!!risp

    Mi piace

  42. francy

    Secondo me nn e questo il punto Dio esiste ed ha la potenza di fare quello ke vuole.Ma qnd ci ha creati ci ha fatti liberi di pensare e agire cm volevamo,lui nn si intromette nelle nosrte vite se noi nn lo vogliamo…Xcio chi ha compiuto quei delitti nn lo voleva con se…

    Mi piace

  43. Francy. Sì, i nazisti probabilmente non lo volevano (anche se dicevano “Dio è con noi”), ma gli ebrei vittime dei nazisti lo volevano. Pregando Dio, esprimevano proprio la volontà e il desiderio che Dio si intromettesse nelle loro vite.

    Mi piace

  44. paola

    il Signore come dice la sua Parola é onnipotente onnisciente onnipresente ma soprattutto infinitamente misericordioso e buono……..una cosa del genere è successa quando il popolo d israele è stato liberato dall egitto….il Signore promise a questo popolo una terra dove scorreva il latte e il miele in cambio di fede e di ubbidienza……..cio nn è accaduto infatti si erano costruiti molti dei pagani e a causa di cio il popolo d israele ha vagato x40 anni nel deserto…….il nostro Signore permette tali tragedie a causa della disobbediena e alla corruzione dell uomo…come il diluvio universale…..

    Mi piace

  45. queen

    non penso che Dio si sia fregato di questa faccenda…. cmq in un modo nell’altro Lui tiene conto di tutti qst malefatti e i responsabili saranno “puniti” a dovere

    Mi piace

  46. francy

    ma no non e inutile pregarlo lui a noi x me ha gia dato troppo noi coo la preghiera nn dovremmo pretendere niente ma solo fargli capire che gli siamo grati x quello k ha fatto x noi..

    Mi piace

  47. queen

    non un qualcosa di terreno di cui noi essere umani ne siamo artefici, perchè in qst caso ci basseremmo al loro livello, non tocca noi decisione del genere… cmq penso a qualcosa dopo la morte… ovviamente basandomi sulle conoscenze che ho sulla mia religione

    Mi piace

  48. paola

    ora non so se gli ebrei agli okki di Dio erano mancanti o meno…..lo sa sl Dio………cmq sia una cosa è certa il Signore è fedele e giusto e se fa una cosa c è un motivo valido in assoluto……..Dio è amore allo stato puro e io lo sperimento giorno dopo giorno nella mia vita……..

    Mi piace

  49. Paola: Prima hai detto che “il nostro Signore permette tali tragedie a causa della disobbediena e alla corruzione dell uomo”. Che l’uomo sia corrotto è fuori discussione. Ma lo siamo tutti: perché solo ebrei (e zingari, ed omosessuali) sono morti ad Auschwitz? Mi sembra che l’unica risposta possibile sia che loro erano più corrotti degli altri. Questo vuol dire considerare gli ebrei peggiori dei nazisti. E dare ragione ai nazisti.

    Mi piace

  50. Francy: Ma no. Tu dicevi che “noi” non dovremmo far iniziare le guerre. Io ti ho risposto che le guerre sono causate da alcuni e subite da altri. E’ ingiusto dire che le vittime devono subire le guerre (o altre violenze) perché sono gli uomini che le fanno, dal momento che non sono gli stessi uomini quelli che le vogliono e quelli che le subiscono.

    Mi piace

  51. paola

    no paof……lo sa solo Dio lo ripeto…….nrl caso del popolo d israele Lui l ha reso manifesto tramite la sua Parola……prof Lui è nostro Padre e come tale ci corregge…io quando ricevo delle correzioni dal mio papà celeste sono contenta….lui parla attraverso lo spirito Santo k è entrato dentro di me il giorno k ho dato a gesù la mia vita…..il suo ammonimento è dolce a ki gli rimane fedele….

    Mi piace

  52. Angela

    Prof, vi rispondo al commento 40 fatto da voi! voi dite che il non intervento di Dio si vede dal fatto che un sacco di persone sono morte! Ma la causa della morte di migliaia di persone ebree (non metto in dubbio che siano molte)non dipende dal fatto che Dio non è intervenuto, è causato dalla crudeltà dell’uomo! E’ stato l’uomo che ha provocato migliaia di vittime, non Dio, certamente Dio non ha voluto che qst accadesse!E lui stesso “soffre” nel vedere la propria creatura seminare paura. Se l’uomo è caduto così in basso non è per colpa di Dio… e se qst genocidio è accaduto non è voluto da Dio, ma dalla sete di potere dell’uomo!

    Mi piace

  53. antonietta pistone

    Siamo abituati a considerare Dio come un prestigiatore o un mago, che possa risolvere a colpi di bacchetta magica tutti gli orrori del mondo. Se Dio avesse voluto avrebbe anzitutto salvato il Figlio dalla croce. Ma Lui ci ama liberi, non è uno stregone che ammalia a forza di pozioni. Egli ha bisogno delle sue creature, e soffre quando l’umanità si avvilisce nel peccato, ma ama talmente tanto da lasciare la libertà di scelta, e la dignità dell’assunzione di responsabilità. Dio si è fatto debole morendo, per farsi simile all’uomo che vuole redimere e salvare. Ci mostra il lato più tenero di sé perché è un genitore amabile e affettuoso che non contempla tra i suoi metodi la violenza pedagogica o l’inganno. Sono d’accordo con Bonhoeffer che sostiene: “Dobbiamo vivere come uomini che se la cavano senza Dio”. Sarebbe ora di crescere e di diventare finalmente adulti. E smetterla di riconoscersi in un Dio vendicatore che spunta fuori dalla memoria e dalla tradizione solo quando fa comodo. Una religione utile, perché tecnica, è la negazione della religiosità più vera e del suo spirito. Assumersi la responsabilità delle proprie scelte significa imparare anche a riconoscere ciò che proviene da Dio da ciò che è fattura dell’uomo. Se Dio è Amore, tutto ciò che nega questa realtà con l’odio, la violenza, la guerra e la sopraffazione dell’uomo sul proprio simile, non viene da Dio. Piuttosto, come ci ricorda Nietzsche, è il prodotto del crimine più efferato della storia, che è l’assassinio di Dio, del proprio Creatore, ad opera delle sue creature. Le vittime dell’olocausto e delle persecuzioni razziali sono una conseguenza delle leggi di Norimberga promulgate nel 1935. Hitler non era Dio, così come non lo erano i suoi vili esecutori di ordini. Dio era tra gli Ebrei perseguitati e uccisi, tra gli omosessuali e tra gli handicappati. Si può quindi dire che sono state le preghiere di Dio a non essere ascoltate dall’uomo, e non le preghiere dell’uomo a rimanere disattese. E ci si deve chiedere cosa fare davvero perché tanta ferocia finalmente si spenga, perché l’uomo sopravanzi la bestia nei crimini contro l’umanità scorgendo oltre i casi più manifestamente eclatanti, quali lo sterminio nazista, la barbarie di un mondo popolato da guerre religiose, dal terrorismo internazionale, islamico e non, dalle esecuzioni di stampo mafioso, dalla droga, dalla prostituzione, dalle aberrazioni psichiche, e dagli omicidi, dagli infanticidi, dagli uxoricidi che esecrabili scrivono col sangue degli innocenti le pagine di cronaca dei quotidiani. Domandiamoci non dove sia Dio, mentre accade tutto questo, ma dove lo abbiamo relegato noi, quale posto gli abbiamo rifilato nella scala dei valori della nostra vita. Perché il male viene dall’uomo, quando si allontana da Dio. Quando non scorge in Lui la fonte ontologica dei valori della propria etica, e il bene morale viene scavalcato dall’utile e dal vantaggio economico.

    Mi piace

  54. ornella*

    purtroppo sono tanti gli eventi che spesso ci portano a pensare che dio non esista, non solo la persecuzione contro gli ebrei. e sono d’accordo sul fatto che, ogni volta che si agisce con violenza,odio e contro il rispetto e la dignità umana, si perseguita dio,quindi giustamente non possiamo accusarlo di aver dimenticato il mondo e le sue creature se siamo proprio noi a non essere conformi ai suoi insegnamenti.

    Mi piace

  55. sere & cry

    sinceramente apprezziamo la filosofia di Hans Jonas ma secondo noi nessuna delle 3risposte può essere adeguata…noi cristiani, sin da bambini, al catechismo e in chiesa ci hanno sempre mostrato un Dio potente e non vendicatore, ma un Dio che lascia alle sue creature la possibilità di agire con il libero arbitrio seguendo la propria razionalità.In quanto tale l’uomo è stato libero di comportarsi come più voleva e gli faceva comodo, assumendosi la responsabilità delle conseguenze delle proprie azioni. Auschwitz invece è stato solo frutto dell’irrazionalità della mente umana, basato sul desiderio di far primeggiare la propria razza a discapito delle altre considerate “inferiori”, ideologia già espressa da Nice con il suo concetto di super uomo.
    Il super uomo niciano, che si identificava con la figura di Hitler, era la risposta della mente umana al vuoto lasciato dalla morte di Dio, causata da tutti gli uomini, (non solo dagli ebrei come sosteneva Hitler e altri studiosi del tempo).La mente dell’uomo di Nice è abbastanza contorta; prima crea la figura di Dio come risposta ai suoi problemi, poi lo uccide e infine si auto convince di essere un alter ego di Dio.

    Mi piace

  56. le altre!!alias marta

    come affermava anche dante noi abbiamo il libero arbitrio quindi in sostanza siamo artefici del nostro destino Dio non centra nulla.se davvero è esisistito non è questa la funzione che avrebbe voluto avere.i religiosi gli addossano colpe,lo ringraziano,ma lo cercano solo nel momento del bisogno è soltanto un appiglio a cui “aggrapparsi” nei momenti di difficoltà.Dio ci ha lasciati liberi,davvero vogliamo dare a lui tutte le colpe e tutti i meriti di ciò che ci accade?allora nn dovremmo neanche vivere preoccupandoci di fare la cosa giusta o di quello che ci potrebbe capitare se tutto è deciso da qualcun’altro.le guerre ci sono state e ci saranno sempre ma la responsabilità è solatanto nostra.*_*marta
    ps:un saluto a wanzanflai

    Mi piace

  57. Marianna e Marzia

    Buongiorno!Innanzitutto siamo d’accordo con la nostra prof.riguardo l’esistenza di Dio,in quanto Lui nn era presente nella coscienza di chi ha commesso crimini così gravi nel senso che qst “persone”hanno rifiutato indirettamente Dio perchè se avessero avuto una fede non avrebbero mai compiuto simili azioni;e per fede intendiamo qualcosa di diverso dal fanatismo religioso….

    Mi piace

  58. Ciro

    Per chi crede davvero in Dio sà che lui cè sempre anche e soprattutto nei momenti in cui sembra davvero lontano è come una prova per vedere quanto davvero è solida la fede di una persona.Dio non dimentica nessuno anche chi non è credente perchè comunque anche l ateo è suo figlio.L uomo deve capire che il mondo è in mano sua è o Dio esiste o non esiste deve fare esclusivamente del bene e mai piu commettere un errore tanto grave come la cosiddetta “Soluzione finale”.Perchè se l uomo è tanto crudele la colpa deve ricadere su Dio?

    Mi piace

  59. Lu&Chiara

    In effetti questo punto non è conciliabile e condivisibile con la fede cristiana, infatti crediamo bisogni metterla da parte per affrontare questo argomento.. in un certo senso è necessario diventare ‘temporaneamente’ atei, e chiedersi il perchè Egli non ha salvato Gesù sulla croce,o non ha evitato lo sterminio di tanti ebrei. E allora è probabile sia vero che dopo averci creato, non abbia più forze e che si aspetti da noi qualcosa. Sinceramente è un discorso abbastanza importante e strano, e il fatto che in un certo senso metti in discussione alcuni punti della nostra fede cristiana,ci mette un po’ in difficoltà.
    Però è anche vero che Dio non può manipolare le intenzioni, e le idee di certe persone, come nel caso di Hitler.. Magari di fronte a tutta quella cattiveria, non ha saputo come reagire come fermare quell’uomo che è stato artefice di tanto dolore e disperazione. E tutto questo succede ancora oggi. Ma noi comunque continuiamo ad affidarci a Lui e a sperare che un giorno ci mandi un segnale della sua esistenza..

    Mi piace

  60. gianluca

    questo è uno dei tanti eventi che mi porta a pensare che dio non esista,perchè nessun dio può permettere lo sterminio di milioni di persnone e non credo che tutto può essere giustificato dal discorso del libero arbitrio che ci è stato dato….
    Quindi per come la vedo io Dio non è altro che una proiezione mentale dell’uomo,sulla quale l’uomo riversa le proprie angoscie e speranze.
    Da questo punto di vista mi trovo molto vicino al pensiero di nietzsche………….
    e credo che la religione ottunde la mente umana

    Mi piace

  61. ornella*

    ma nietzsche quando ha teorizzato l’ideologia del superuomo non pensava ad adolf hitler, questa associazione è successiva e deriva probabilmente da un’ interpretazione sbagliata e strumentalizzata del suo pensiero. comunque sono d’accordo con marta, per noi cattolici è facile abusare del libero arbitrio e poi invocare aiuto dal cielo nel momento del bisogno, dovremmo assumerci le nostre responsabilità,non solo in quanto cristiani ma soprattutto in quanto uomini,cittadini e persone civili.

    Mi piace

  62. LORENZO

    In occasioni tragiche come la shoah, come le foibe (una tragedia dimenticata) e in tante altre occasioni la domanda “Dio dov’è?” è legittima soprattutto per chi questi eventi li ha vissuti sulla propria pelle.
    Non sono un grande cattolico, ma penso che la colpa di tutto questo non si affatto di Dio. Nel mondo ogni persona è diversa dall’altra, c’è chi fa del bene, c’è chi fa del male, c’è chi nasce bianco, nero, malvagio, buono ecc..
    Ogni giorno ascoltando il telegiornale ascoltiamo notizie che ci lasciano senza parole per la crudeltà umana che c’è nel mondo, ciò, non vuol dire che per ogni omicidio, per ogni tragedia, per ogni malvagità bisogna incolpare Dio per averla permessa. L’uomo per non incolpare Dio dovrebbe stare benissimo quotidianamente, senza avere nessun problema e questa penso sia un’utopia, un sogno inconseguibile.

    Mi piace

  63. silvia e marino

    nn siamo d’accordo con nessuna delle tre ipotesi xkè 1)nn siamo atei 2)poi xkè nn crediamo ke Dio nn voglia aiutare l’uomo 3) xkè Dio nn è debole anzi…ogni giorno tutti noi viviamo momenti di difficoltà…di sofferenza e delle volte ci viene naturale accusare Dio, su quanto ci è accaduto…questo tuttavia è un pensiero errato ma x certi versi giustificato…questo xò nn significa ke Dio nn esista o ke nn voglia aiutarci. Ha dato noi la possibilità di scegliere tra bene e male, ma nn tutti effetuano la scelta giusta…

    Mi piace

  64. natasha

    sicuramente molti ebrei di fronte agli orribili maltrattamenti e alla distruzione della prorpia dignità nei campi di concetramento,hanno pensato dove potesse essere Dio in quei momenti ed è un pensiero,a mio parere,del tutto lecito.Ma dobbiamo ricordare che Dio ci ha lasciato liberi di scegliere se stare dalla parte del bene o del male e ogni qualvolta che,purtroppo,gli uomini commettono dei crimini nei confronti dei propri simili non possiamo sperare che Dio li possa fermare con una “bacchetta magica”.Dio infatti puo solo ascoltare le nostre preghiere, come avrà ascoltato quelle delle persone deportate, con sofferenza e dolore e l’unica arma che puo usare è solo quella di darci un conforto morale.Tuttavia ai giorni d’oggi si rivela molto attuale il pensiero di Nietzsche nel considerare la chiesa come il cimitero di Dio stesso,dove molte persone degradano la sua immagine in un vendicatore,dimostrando una piena ignoranza nei confronti dei suoi insegnamenti.

    Mi piace

  65. marco

    è vero si sono persi i valori di cui siamo stati educati fin dai tempi piu remoti…siamo oggi a conoscenza di tragedie piu atroci,carneficina spietata e l’unica cosa che ci fa andare avanti è il pensiero che in un’altra parte del mondo,universo ci sia un mondo,un dio che protegga queste anime e ci spinga a perdonare gli esecutori..Pero non sempre la gente riesce a perdonare a sottomettersi alla fede facendosi singolarmente giustizia,decidendo ,la singola persona a essere dio e a fare quello che dio non è riuscito a fare.

    Mi piace

  66. marta

    ma non si può affermare ” se Dio fosse esisistito non avrebbe permesso tutto questo”.se davvero Dio esiste,anche se ho i miei dubbi,ci ha lasciati liberi.magari potesse intervenire ogni volta che qualcosa non va o ogni volta che qualcuno soffre,non esisterebbe un uomo infelice,vivremmo in un oasi di tranquillità.secondo i credenti Dio ci ha creati,e ci protegge….ecco io penso che Dio è morto voglia dire che Dio si ci avrà anche creati ma è finità lì.nietzsche sosteneva che la religione fosse nata proprio da un assassinio,quello di Dio*_*marta

    Mi piace

  67. ornella*

    Dio è morto perchè lo abbiamo ucciso noi,non noi in quanto ebrei,ma in quanto uomini, perchè, ripeto, ogni volta che non rispettiamo il prossimo che calpestiamo la sua dignità,noi perseguitiamo Dio e lo uccidiamo. p.s.: per lorenzo Dio è morto nelle foibe

    Mi piace

  68. silvia

    oggigiorno ognuno ha una propria opinione riguardo all esistenza di Dio….c’è ki costantemente crede nell’esistenza di un Dio a prescindere dal suo intervento e ki invece si affida a Dio esclusivamente nel momento del bisogno…x qnt riguarda la persecuzione degli ebrei…nn credo sia possibile affibbiare le proprie colpe e responsabilita’ nella volonta’ di Dio…è pur vero ke Dio crea le proprie creature a sua immagine e somiglianza..ma è anke vero ke l’uomo nasce cm essere pensate e dotato di razionalita’…quindi tutto cio’ ke l’uomo compie è voluto dalla sua volonta’..

    Mi piace

  69. Grazie agli amici del liceo Marconi per il loro contributo. Mi fa molto piacere che si possa discutere di argomenti così delicati senza irrigidirsi né degenerare. Può sembrare una cosa ovvia, ma invece sta diventando sempre più rara.
    Naturalmente lo scopo di questa discussione, come di tutte quelle che avvengono su questo blog, non era quello di dimostrare una tesi qualsiasi, meno che mai quella della non esistenza di Dio (o della sua debolezza).

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...