Potere di alcuni o potere di tutti?

In queste settimane si discute molto, sui giornali ed in televisione, della nostra classe politica. Molti accusano i politici italiani di essere dei privilegiati, delle persone che fanno il proprio interesse più che l’interesse del paese, e ciò al di là delle differenze di partito. Questo è quanto sostiene un libro di successo: La Casta, di Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo (Rizzoli). Il sottotitolo – Così i politici italiani sono diventati intoccabili – è eloquente. Gli autori documentano la grande quantità di privilegi economici e di altro genere dei politici italiani, in un periodo in cui agli italiani si chiedono sacrifici e privazioni.
Del malcontento verso la classe politica si è fatto interprete il comico Beppe Grillo, che ha lanciato il V-Day, dove V è l’iniziale di una parola non molto garbata rivolta alla classe politica.
Come abbiamo visto – e come vedremo meglio nelle prossime lezioni -, alcuni sociologi hanno affermato che la classe politica è in effetti una sorta di casta chiusa in sé stessa. Teorici come Vilfredo Pareto, Gaetano Mosca e Robert Michels ritengono che in qualsiasi sistema politico, sia esso un regime dittatoriale o una democrazia, il potere è sempre saldamente nelle mani di una élite, mentre la gente è effettivamente esclusa da qualsiasi potere reale. Da questo punto di vista, la differenza tra democrazia e non democrazia appare vaga.
In Italia c’è stato un pensatore che ha sostenuto l’esatto contrario. Nel dopoguerra, Aldo Capitini ha sviluppato la teoria dell’omnicrazia, intendendo con questa parola il potere di tutti. Secondo Capitini, la democrazia, che è un progresso notevole rispetto al regime fascista, è ancora insufficiente. Nella democrazia la gente va a votare per scegliere chi comanda, e la propria attività politica finisce qui. Ciò non è sufficiente, per Capitini. Bisogna che il popolo eserciti ogni giorno il proprio potere. Un potere effettivo, e non simbolico.
Voi che ne pensate? Considerate possibile la realizzazione del potere di tutti, o credete che sia inevitabile che il potere sia nelle mani di pochi? E nel primo caso, in che modo a vostro avviso è possibile realizzare il potere di tutti?

La vignetta è di Mauro Biani.

Annunci

64 pensieri su “Potere di alcuni o potere di tutti?

  1. RAFFY E ANNA MARIA

    ci piace l’idea dell’omnicrazia di Capitini ma non è facile metterla in atto perchè a prendere le decisioni sarebbero in troppi, perciò è complicato trovare delle soluzioni valide per tutti evitando dei malcontenti.

    Mi piace

  2. secondo noi da una parte sarebbe giusto che ci fosse il potere di tutti visto che i politici pensano solamente ai loro interessi però dall’altra parte è impossibile pensare che tutto il popolo governi.Certo i politici dovrebbero anche chiedere a noi se siamo d’accordo o no con quello che loro fanno e che vorrebbero attuare

    Mi piace

  3. Raffy e Maria: Quindi hanno ragione Michels & Co.?
    Anto & Lucy: Anche tra i partiti però vi sono idee contrastanti, ed un certo caos.
    Giusi: Abbastanza d’accordo. Ma riguardo al potere di tutti, che pensi? Il popolo deve solo rispettare le leggi?

    Mi piace

  4. Giusi

    Io penso che la democrazia sia stata una grande conquista per il popolo e per la società, fin dall’inizio mal gestita. Essere democratici vuol dire prendere in cosiderazione tutte le classi sociali dello stato, rispettarle e cercare di attuare una politica che si adatti ad esse. Questo è quello che dovrebbe fare lo stato ma anche il popolo ha il suo compito e cioè quello di rispettare le leggi,altimenti se tutti non le rispettano,come accade, lo stato va in decadenza. Per questo secondo me la colpa della degenerazione dello stato italiano va data anche al popolo non solo ai politici.

    Mi piace

  5. carmen e ilaria

    secondo noi Capitini ha ragione, perchè è vero che alla fine anche se siamo in un paese democratico il potere non lo ha il popolo ma i pochi. infatti i veri interventi del popolo in politica sono davvero limitati. comunque è anche vero che il potere non può risiedere tutto nelle mani del popolo perchè non tutti hanno le conoscenze giuste e mezzi corrotti per raggiungere il potere poichè, appunto, nel mondo politico non si arriva con la propia cultura, conocenza e capacità

    Mi piace

  6. leila e enza

    secondo noi quello che c’e scritto nel testo e’ perfettamente giusto.noi riteniamo che il potere deve spettare a tutta la popolazione in quanto tutti hanno gli stessi diritti e doveri.pero’ visto che questo nostro pensiero non corrisponde con la realta’ di oggi riteniamo che il governo crolli e che tutti i politici se ne tornino alle proprie case cosi’ che si possa formare un nuovo governo in cui i politici non badino piu’ ai propri interessi ma al volere e al benessere del popolo……che ne pensate?

    Mi piace

  7. Angela

    Secondo me la degenerazione dello Stato è nelle mani sia dei politici, che pensano ai propri interessi, sia del popolo che si affida troppo alle parole “false”dei politici

    Mi piace

  8. Angela e Katia

    secondo noi il potere è impossibile concentrarlo nelle mani del popolo perchè nn si riuscirebbe ad arrivare ad un accordo,ecco perchè andiamo a votare.anche se nn scegliamo realmente noi i politici perchè sono loro che decidono di candidarsi e nn noi.quindi la scelta nn è vasta

    Mi piace

  9. Carmen e Ilaria: A dire il vero qualche giorno fa il vice-presidente del senato ha scritto un comunicato stampa nel quale si poteva leggere “c’è ne” al posto di “ce n’è”. Non abbiamo al potere propriamente degli intellettuali. D’altra parte, la gente non avrà cultura, ma sa di certo quali sono i propri interessi. Non è possibile secondo voi una terza via, tra il potere diretto della gente e il potere della sola classe politica?

    Mi piace

  10. Marilyn e Antonella

    da Anto:io penso che la democrazia non possa funzionare perchè considero l’ uomo troppo irresponsabile e incoerente con le sue idee in quanto alla fine trasgredisce comunque le regole.Inoltre non riesce a gestire la propria libertà in quanto il più delle volte questa prende il sopravvento sulle situazioni. Bisognerebbe un governo che prendesse più seriamente le cose anche con un pò di rigidità. da Mary:io sono per la democrazia in quanto non credo nel potere di uno solo visto che siamo tutti diversi, con idee e principi diversi, e soprattutto liberi di scegliere per ciò che è giusto o sbagliato guidandoci l’uno con l’altro. Ma su certe cose la penso come Anto in quanto l’uomo nonostante tutto non riesce a portare fino in fondo e con grande responsabilità i propri compiti. Ricordiamoci:tutti gli uomini oltre a portare a termine i propri doveri dovrebbero godere anche dei diritti che alla fine li spettano,ma questo aspetto molte volte viene trascurato.

    Mi piace

  11. RAFFY E ANNA MARIA

    per giusi: ti voteremo nelle prossime elezioni mi raccomando candidati!Da Anna invece da Raffy: se le leggi che fanno sono stupide tipo (sequestri di motorini o altro ) cosa dovremmo fare?secondo me molte leggi sono fatte per far girare l’economia fate pagare le multe piuttosto che vendere all’asta i motorini comprati da un mese oppure andate in giro ad acchiappare pedofili e assassini…

    Mi piace

  12. Anto: quindi sei per la dittatura?
    Mary: Se l’uomo non riesce a portare a termine con responsabilità i propri compiti, questo vale tanto per gli uomini nel loro complesso, quanto per il singolo uomo. Quindi l’eventuale governo di uno solo non risolverebbe il problema.

    Mi piace

  13. Giusi

    Credo che sia impossibile accontentare tutti infatti è proprio per questo che esistono i partiti, così la gente può votare per quello che si avvicina alla propria idea…. o almeno dovrebbe essere così perchè oggi si vota un partito più per favoreggiamento che per vera politica. Per le leggi secondo me l’unico modo per andare e mettere d’accordo tanta gente è solo con determinate leggi e norme altrimenti tutti farebbero i propri interessi senza rispettere nessuno.

    Mi piace

  14. carmen e ilaria

    per il prof: sarebbe da ipocriti dire che ci può essere un potere che veda presente il popolo e la classe politica. secondo noi non ci sarà mai questo perchè dopo un pò di tempo alla fine chi sale al potere fa i propi interessi scordandosi i suoi progetti iniziali

    Mi piace

  15. Fedy e Raffy

    i politici prima di mettere in atto una legge dovrebbero chiedere il parere dei cittadini perchè se i cittadini non sono d’accordo la legge non dovrebbe entrare in atto…

    Mi piace

  16. Giusi

    Per Raffy: è vero che ci sono delle leggi stupide e quelle che servono solo x iteresse degli altri…. ma non tutte…. cmq non mi sono ancora data alla politica!?!

    Mi piace

  17. RAFFY E ANNA MARIA

    per il prof: noi nn siamo completamente d’accordo con Michels e gli altri però crediamo che se l’omnicrazia verrebbe attuata ci sarebbero più conflitti tra i cittadini perchè non saranno mai tutti d’accordo su una stessa decisione!

    Mi piace

  18. leila e enza

    Siccome e’ molto importante il governo, deve essere anche importante analizzare i candidati attraverso un periodo di prova o qualcos altro,prima di dargli un posto sicuro nel governo.Solo cosi’ secondo noi si puo’ risolvere qualcosa

    Mi piace

  19. leila e enza

    Siccome e’ molto importante il governo, deve essere anche importante analizzare i candidati attraverso un periodo di prova o qualcos altro,prima di dargli un posto sicuro nel governo.Solo cosi’ secondo noi si puo’ risolvere qualcosa

    Mi piace

  20. Raffy e Anna Maria: Facciamo così, allora. I politici preendono delle decisioni – che so, il sindaco fa un’ordinanza che riguarda la viabilità cittadina. La gente si riunisce e discute quella ordinanza. Se la maggior parte della gente la ritiene sbagliata, il sindaco è costretto a ritirare l’ordinanza. Che ne pensate?

    Mi piace

  21. Giusi

    Non penso che la gente si svegli una mattina e decida di fare una legge! e poi su 100 persone ci sarà almeno una che usa ancora la testa!!! xò può anche darsi che viene messa da parte dagli altri( come è successo per alcune persone in televisione che parlavano troppo e sono state allontanate)

    Mi piace

  22. carmen e ilaria

    per il prof:se fino ad adesso e cioè partendo dall inizio delle prime società non si è trovato un uomo gisto che sappia governare crediamo sia difficile trovarlo propio ora che stiamo in um mondo più corrotto di allora.

    Mi piace

  23. Marilyn e Antonella

    da Mary:no io non la penso così, in quanto non è detto che il governo vada a rotoli solo perchè un solo soggetto “decida per il bene di tutti”. Ma se iniziassimo a collaborare, a prendere sul serio quella che è la realtà della nostra società, basando la “decisione finale” sul pensiero di tutti,prendendo ovviamente idee giuste, FORSE SI POTREBBE ANDARE AVANTI. Da Anto:io non sono per una completa dittatura però condivido alcuni aspetti, in quanto i problemi si affrontano con più serietà e voglia del bene di tutti. Ma nello stesso tempo tale “dittatura” deve rimanere nei limiti, in quanto l’ uomo deve conservare la propria libertà per esprimersi.

    Mi piace

  24. leila e enza

    e’ questo il punto……………..cercare di far salire al potere candidati che sappiano governare senza corrompere nessuno ma raggiungere i propri obbiettivi solamente attraverso le proprie forze.

    Mi piace

  25. anto e lucy

    menomale che è una minoranza…e poi il potere non potrà mai essere nelle mani di tutti..perchè come dice lei se c’è il contrasto tra pochi figuriamoci tra molti…

    Mi piace

  26. carmen e ilaria

    per il prof: per un comune può funzionare ma per lo stato no. e poi se un uomo del genere andasse al governo sicuramente in un modo o nell’altro o cambierebbe o verrebbe allontanato dagli altri politici con le loro conoscenze

    Mi piace

  27. Carmen e Ilaria: 1. ma se in tutti i comuni d’Italia vi fosse un sistema del genere, secondo voi le cose non cambierebbero? non vi sarebbe una democrazia più completa? 2. Purtroppo la storia insegna che al governo possono andare dei pazzi criminali, e nessuno li caccia.

    Mi piace

  28. Marilyn e Antonella

    da Mary:ribadisco che sono totalmente contraria al potere assoluto mentre sono per il popolo che collabori insieme per il potere. da Anto: questo è una mia “ideologia” e non credo che si sia mai verificato in passato, ma spero in un futuro.

    Mi piace

  29. RAFFY E ANNA MARIA

    x il prof: pensiamo che è giusto ritirare l’ordinanza se i cittadini non sono concordi con la decisione presa.Ma se pure fossero d’accordo alcuni, altri non lo sarebbero. Ad esempio Anna Maria crede che sia giusta la pena di morte, secondo Raffy no quindi non arriveremo mai ad un accordo.

    Mi piace

  30. Mary: Ma non avevi detto che le persone in genere non sanno portare a termine con responsabilità i propri compiti? Se le persone sono irresponsabili, come possono collaborare col potere?
    Anto: Nella tua “ideologia” è previsto che la gente vada a votare?

    Mi piace

  31. vale

    io sono per la democrazia perchè gli uomini non la pensano tutti alla stessa maniera ma il potere non potrebbe mai stare nelle mani del popolo perchè si creerebbe troppo caos e non si arriverebbe a nulla quindi come si potrebbe fare? inoltre i politici che promettono e promettono determinate cose per farsi votare ma alla fine non mantengono mai niente………

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...